Bolla dei Tulipani – la prima bolla economica

Bolla dei Tulipani – la prima bolla economica

Amsterdam. Fine 1500.  Vengono importati i primi tulipani. Presto diventano un vero e proprio status simbol per le famiglie borghesi.

Con l’andare del tempo quest’usanza si diffuse sempre più fino a quando nel 1636 ci fu una vera esplosione del valore dei tulipani.

Pensa che addirittura si arrivò a pagare per un singolo tulipano il valore di 80 maiali !

C’è ancora presente una transazione su un manoscritto dell’epoca che attesa uno scambio di 40 tulipani per 25000 fiorini – l’equivalente attuale di più di 3 milioni di € ( o se vogliamo a circa 280 BTC ). Valori stratosferici.

La compravendita avveniva all’interno dei pub i quali si trattenevano una tassa del 2,5 % per validare le transazioni.

Nella primavera del 1637, dopo che se ne erano viste di tutti i colori, tra cui pure le futures sui tulipani, (persone che vendevano tulipani ancora prima di averli piantati) , qualcosa cambiò. Il prezzo dei tulipani da migliaia di fiorini crollò a qualche decina.

Questo perché accadde?

La bolla dei tulipani scoppiò perché venne scaricata una vagonata di materiale all’interno dei mercati.

Questo perché i tulipani potevano essere prodotti o potevano essere piantati. E chiunque lo poteva fare. Non era una risorsa scarsa.

Quello che differisce i Bitcoin dai tulipani è proprio questo. Nessuno potrà crearne di più di quelli previsti. Cioè 21 Milioni. Una quantità molto limitata.

Il valore potrà implodere anche se  tutti i possessori di bitcoin perderanno tutto d’un tratto la fiducia nella prima Criptomoneta, ma al momento questo pare molto improbabile.

Ecco perché Bitcoin non è una bolla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *