Electrum wallet desktop consigliato per bitcoin

Electrum wallet desktop consigliato per bitcoin

Electrum wallet desktop consigliato per bitcoin

Don’t trust, verify – sarò ripetitivo ma deve essere un mantra – è finita l’era in cui si doveva prendere per forza per vero quello che qualcuno sosteneva. Attraverso l’open source, dove il codice sorgente è condiviso pubblicamente per garantire la massima trasparenza del funzionamento, è possibile verificare l’esattezza di quello che sostiene un determinato programma di fare. Ecco perché è Electrum wallet desktop consigliato per bitcoin. Se vuoi fare le cose fatte da manuale per avere una garanzia totale sui tuoi fondi.

Collegati al sito ufficiale di Electrum qui: https://electrum.org/ ma aspetta a scaricarlo

 

Perché ti consigliamo Electrum wallet desktop per i tuoi bitcoin ?

Oltre ad essere open source, ha una storia ormai datata di affidabilità essendo stato uno dei primi wallet. E’ compatibile praticamente con ogni sistema operativo desktop e gli sviluppatori sono veramente accaniti e sempre sulla cresta dell’onda.

Quello che ci tengo fin da subito che tu capisca è il fatto che devi essere sicuro di quello che stai facendo in ogni momento quando si tratta di bitcoin ( o in generale per le critpomonete) perché non c’è un tasto che annulla tutto o un centralino da chiamare se si ha sbagliato qualcosa di irrimediabile.

La questione affasciante è anche qui se vuoi: non è controllato da nessuno ( = decentralizzato ).

Siccome hanno un determinato valore, così come qualsiasi altro asset, va difeso. In questo caso la maggior difesa è la scelta del tipo di software che va a generare il seed per il tuo wallet , oltre che al tipo di wallet. Esistono infatti software che ti ingannano. A te sembra di generare un wallet in tutta sicurezza ( anche scollegandoti da internet) ma le chiavi generate sono predeterminate. Quindi quando vai a depositare dei fondi su quegli indirizzi, i malintenzionati di cui purtoppo ti sei fidato hanno accesso al tuo wallet e riescono ad entrare in possesso dei tuoi asset.

Rubandoteli.

Non è furbizia, è truffa. Purtroppo esiste come sono sempre esistiti i malviventi.

Quando si tratta quindi di qualcosa su cui vai a depositare del valore ti consiglio di spendere del tempio a ragionarci ed aver capito bene il proprio funzionamento.

Non farti prendere dall’ansia della FOMO ( Fear Of Missing Out ) – è una delle cose più difficili – di farti cioè prendere dal momento e fare tutto di fretta bypassando ragionamenti e/o attenzioni dovute.

Non ti devi fidare per assurdo nemmeno di quello che sto scrivendo qui. Devi metterlo sempre in dubbio e cercare di verificarlo.

 

Perché ti sto suggerendo di aspettare a scaricare Electrum desktop wallet allora?

Prima di scaricarlo e fare doppio click come un’altra installazione standard di un altro programma, come abbiamo detto avendo un certo valore nel futuro ( se crediamo di depositarci dei fondi) dobbiamo essere sicuri di aver scaricato il file esatto.

Esistono infatti dei siti simili a Electrum.org e/o virus che possono essersi inseriti nella tua macchina in modo da farti scaricare un file che non è quello garantito dal produttore; ovvero gli sviluppatori di Electrum.

 

Altra premessa, potresti chiederti: come ci guadagnano quindi gli sviluppatori? Qual è il loro modello di business?

Funziona per donazioni. Infatti la comunità che ci crede che bitcoin possa diventare la moneta mondiale del futuro sponsorizzano progetti collaterali come Electrum ( ma molti altri) affinchè si continui a sviluppare l’idea di Nakamoto del 2009. Sia per implementare le novità rilasciate dallo sviluppo di Bitcoin Core ( come ad esempio l’ultima nata lightning network) sia per rendere più facile ed accessibile i vari servizi.

Chiusa parentesi.

Come fare quindi ad essere sicuri di aver scaricato un file eseguibile corretto?

Qui entra in gioco la crittografia; la verifica cosiddetta PGP. Sostanzialmente è lo stesso concetto alla base della chiave pubblica e privata che ha preso in prestito bitcoin ed implementata nel suo funzionamento. Il file che abbiamo scaricato è stato firmato con una chiave pubblica di ThomasV in questo caso che è uno dei programmatori principali di Electrum

La chiave pubblica, così come l’indirizzo pubblico del wallet di bitcoin può essere comunicato a chiunque. Nel caso della chiave pubblica di ThomasV è questa

—–BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

mQINBE34z9wBEACT31iv9i8Jx/6MhywWmytSGWojS7aJwGiH/wlHQcjeleGnW8HF

Z8R73ICgvpcWM2mfx0R/YIzRIbbT+E2PJ+iTw0BTGU7irRKrdLXReH130K3bDg05

+DaYFf0qY/t/e4WDXRVnr8L28hRQ4/9SnvgNcUBzd0IDOUiicZvhkIm6TikL+xSr

5Gcn/PaJFS1VpbWklXaLfvci9l4fINL3vMyLiV/75b1laSP5LPEvbfd7W9T6HeCX

63epTHmGBmB4ycGqkwOgq6NxxaLHxRWlfylRXRWpI/9B66x8vOUd70jjjyqG+mhQ

+1+qfydeSW3R6Dr2vzDyDrBXbdVMTL2VFXqNG03FYcv191H7zJgPlJGyaO4IZxj+

+O8LaoJuFqAr8/+NX4K4UfWPvcrJ2i+eUkbkDJHo4GQK712/DtSLAA+YGeIF9HAn

zKvaMkZDMwY8z3gBSE/jMV2IcONvpUUOFPQgTmCvlJZAFTPeLTDv+HX8GfhmjAJY

T5rTcvyPEkoq9fWhQiFp5HRpYrD36yLVrpznh2Mx7B1Iy8Rq/7avadwVn87C6scJ

ouPu+0PF3IeVmYfCScbfxtx1FaEczm8wGBlaB/jkDEhx0RR8PYKKTIEM7T2LH2p6

s/+Ei4V7mqkcveF/DPnScMPBprJwuoGNFdx2qKmgCKLycWlSnwec+hdyTwARAQAB

tBlUaG9tYXNWIDx0aG9tYXN2MUBnbXguZGU+iQI4BBMBAgAiBQJN+M/cAhsDBgsJ

CAcDAgYVCAIJCgsEFgIDAQIeAQIXgAAKCRAr1YJLf5Rw5hlhD/9T4I/sBCleS9nH

njTJqcOnG28c9C3CRYIizjEui/pKmXz9fB1N9QrCaruPUQx2UacDVCl6dKxac+7s

s3/a6lsjaRn0/2OM/sCVLScyxNPNPQs2b6jkodSNPIM8zv51g+flhwtfrO6h6B4j

IhZgSjFdvqtZd5jaly9rA0uMX045CC4K6HGnq8n4F2p31z0L0LaHBf5EcsCM0MMp

QVkY0aUrNg9uVMGXBHn3osHnOtQaODqcIbpa/OG+Tlt6pVOiDJ7i8TkpQKT7sOaM

VdL//TEoDIOC7qVCN82q2q/gtiBXbziaERVs/eU0O52aX5qUhXu3VIjXTp/riRim

R/f9BPB1dgDZbF2aPZ/rJm26v82ft7gP1Sf52E9MrAaZATTfI0/TUHXeBzN93EA9

xb6/ENAMTX74u+NjlynWPD+hl64eBzJ2ionZF1bJFTgBkMfRYnhllvleCjcq9YfX

md5HKCwtxfygBIujUQSwyUzn0f5DbVCJ7/B19bKdvHGSSBgBEjxqXWQskm2wc0In

ww63goZAGDQliKhIT8xnwOBbLkqSobq4tD9zpQyxvMA2rhy7/gfFRp7TTak7MZHf

lTJ37S5LvcWHm/ccWUZDUN7akoEDc+m6jX3uIEPMD3PQvcHhWv0amco3zDr1qb/+

rXM7TJKd7DPX0E2dRzKu6aYRMTbklbQhVGhvbWFzIFZvZWd0bGluIDx0aG9tYXN2

MUBnbXguZGU+iQI4BBMBAgAiBQJTQDaRAhsDBgsJCAcDAgYVCAIJCgsEFgIDAQIe

AQIXgAAKCRAr1YJLf5Rw5hOBD/9o/NqHLvjhrCfy6/SblSC/udV9ujFnvhZZZprb

r8Oe6GdMwfw+ktZd2nYb09KjxXYmGoZeZKmvCb0LoMKSVWgisH1rgzDzI6UzFL4b

pV2+PqCSiWaekfnBm+oHbGgJCuAXebGXjVL8JsvhAl0HQZzTA1RX0u8TEAHOxOI5

l+mXSN+cwVZuDMpt5v+JDyPGHM/KqaXCw1WJY50mqlan6/15XHilmvY/CaxmbXNH

ZOXucmPxyCTeiQTqyhHsIBb4RxWYCaUXv9+svriotv2HZpQ110NN09ml1K1kDlNL

Zh3jNqMsbImFArbN8GikjqhRBV3K77Np4lccnsBPllQMqqQULG7UshcQTatkmTMb

j2TQ0oQWEZt0uJmnmxgz18ijs6m2fJZhlH0QYVYOwUvK6GfAFluHwOZHIXonv8Ck

uTW+P90lOB/9ZnREZeYb2wlvV6fCTMHxptIbT31kbLTzu4KEI6+ShQXT+YAKiC5S

JC9heheaeApH3wcLiZJcCKYv6ubY+3Uf/EoXcqWywwpS/nWkSpMSYjq+V9xCcGHI

MZ4vZkiZ6OS5Mu739rgGfP7Yi3pqUYLIpUa5QiNOMEhPtWbj/oH5ldaZowwgZ4MK

2Mzxex8IhFppPtZgqJfu9NZQLICpxcd2hUe3XWvB+jcvboZ1p7RO7ax3Vo9zy1fy

YEFML7Q9VGhvbWFzIFZvZWd0bGluIChodHRwczovL2VsZWN0cnVtLm9yZykgPHRo

b21hc3ZAZWxlY3RydW0ub3JnPokCOAQTAQIAIgUCVMYFygIbAwYLCQgHAwIGFQgC

CQoLBBYCAwECHgECF4AACgkQK9WCS3+UcOZ7BQ//VJuRmM7kQd5DcJS76BKpMtKt

gUNV3hi2h8kNGtkIeKhpeiK+PeweFJCb0nQDiEYsg5Xd/l5ZwN34cqlhgaQ8uWBY

rmNnSYGECLrxejx6WTWHp2AtD9BXrj73HEox2abC0Bdky39aCTyuRhSzbFnV2unh

L7IarKqr5bat6ywFZWsOcaisEjWXlTSD/hYqnkRX8vnBZRnRgHyi1yOvHsXGFB3x

O+P7JUb4E7BVzVRDJzMgcBhY5vTZ4Mnc8eIplNVI1TaF2hmhmnezvRF6XNYV1Ew9

t2/HE85+DqIBikUWYPTTxJiWUOwxXP9dVOEmNTcAgVThvMN7W+WoF7//qcNKmbPI

DyGU5xb/MLNrM+MWfavtkHNqcY0+cFf27z4mOxd2eEMDVxN/Fhq0HipugMEawaZ0

G9xsF/rZBzKgpu7+SvqRqxUn36vNz59vDlBYEXSng6nJobUdNb6iHo/rpZ6ZYHKx

mzrK5ROpmKs6zpPTOn8Hw29jxx07auzEIVEa8hzZaiqTfwI9yBwzhFQwNxmNaKRE

adxosvU1VyTvaEVmMmTx227MF1qhwq9yrSXtmKZJGiHRzyL4B4vAGrf9uK9GwzS2

TlyksRdjapw6Cqp8sUB2PUzHqYNWs0wSsZuxwVt6JSD4N8vpYTTF00LONKe2oLhj

GNxpH+BV3SqMHXQl9Ki5Ag0ETfjP3AEQAL5LYJiX5S4PG891TMihejh5KVgc36/R

zgWYJkE26K855t+WdAa6spHKR1RmpTTsnaTXaC/bNxJZq+0vi9GKlw94twEueu0v

Cniinpy6AFeydveCi+qdr5XQ4hx1DY11kntGBL2wMOtrZ4oAeFnntHYcAMYaMBY5

p8gd3WVR2dgIvpOcezQBLwhoMHnN6A+JEQ27ZHcolwDO9ic+t4YAtl552DP1xKbc

T4D1JD0J6W6FbUJElOXReSjNGCuSLZZTsCzMg0P6RHwWUKtDvRKrK/M3Nh/L2EsW

5mAQnYps6a+hyVkVd9kLsogtHPE4xv33pzbDB5Yj+2zqdjYUqO/ODfkP+HjNRvyj

uHL6W3bjU6FnuJQXX4llskls4hlKDPawa3cuWnsdafouAZOxWwBlGysRZ7BaHOFE

TOlAeUN1EYfFrckcfkYzTX7NDA0S99aX730z/c9XrnqM52OO9LrSFRnYZ+K3M8z2

FFvo9/ZtqqTDH0/oH+ay0CwtowSovZUoljAQ8zmmi8CtPDFHg4srae8YxW4fetn7

QtP6rOVRwQCyP12LztC7oYGOectU5G9GkVDubNW48Vuex0/upP9RORjKN8atBroS

cmomR5hShxmgdJBy4I/TDkVFbZq/hRPSTAHgnciEC67TYhszzXP3nTn5/Ah0wCGC

d3HfiNX6G7MdABEBAAGJAh8EGAECAAkFAk34z9wCGwwACgkQK9WCS3+UcOaJRA//

dLHRBjeAkNbRsY5GNTWUZzXr3VC5vNqpwpP9rK4QTAmpl3iU5F+wsgMG78iS2XOV

+ijZA8KvishletQJoNMxS1PU4sA4Y34hYb61ptHs+PmwNpcdgjAX+mCh9xQ0816G

yIaXtxtxacJJW3K07fqKIkJjISPOyTLSd+wl1LtRE2fA67pMmpMHG8t+RPq1dp/e

3qp6L7jc6X3U+bn2m7u2cgEVbuAnSaKGoMSMnsd71Ltf1b6/DwvZz/HBttEgcgSm

PleHUVyBD4LDrcjTDK7zdEMw7b/cPBnu6CmTcogFEqvB4n9Yodo+4ij7AndUTz4J

j1p8vFlnHvhRg82MDfGUPJ+ujBjbYXROs+WAmaCQ8TgjZ3dAFNFrOqAbYu6QlY2x

fu7vj+ruc6ArdmBrOlsJFmNsxFRJfgdUug5JFIUN77GbjisHjWem8cY3szuyEke8

H2pi803CAuVtkaoNmNDHsEBieft34Zo0V+A/q2wkix3S9vyRjOKqhGrW30qxnV6Z

FexueWuO3qOQ0ZU5/TIH0kft2n45/RexeBq/Ip52zE1vEvTkQmBCfCGZmqTu+9Ro

8qsjecxVNxyVPlwhlimryiQ+dPaJYaOSfiwEEMh2MyV5c6t6qN9n6jFdiCLOlmmH

ZFA8xDodsofQEmlv+I/xyEZ7na6nxbpZVuPC3B0JFtY=

=sUYl

—–END PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

 

Questa chiave l’ho presa dal suo sito ( https://raw.githubusercontent.com/spesmilo/electrum/master/pubkeys/ThomasV.asc )

Sostanzialmente attraverso un programma che mi riesca a leggere questa chiave pubblica verifico la sua validità.

Qui puoi scaricare un programma GPG per i vari sistemi operativi

Ora riusciamo ad essere sicuri che il file di download che abbiamo scaricato dal sito di Electrum è veramente quello ufficiale perché firmato con la chiave pubblica verificata.

Questo passaggio per molti sembra banale, ma ci sono stati casi in cui, come ripeto utenti finali che andavano si sul sito di Electrum credevano di aver scaricato il software giusto mentre era un malawere e con il tempo si sono visti svuotare tutti i wallet.

Don’t trust, verify

 

Ora possiamo procedere all’installazione di Electrum sul nostro desktop computer.

 

Prima di depositare qualsiasi fondo su Electrum wallet desktop sii sempre sicuro di quello che stai facendo
Prima di depositare qualsiasi fondo su Electrum wallet desktop sii sempre sicuro di quello che stai facendo

 

L’installazione è molto facile. Dobbiamo solo fornirci di carta e penna ed essere da soli. Senza distrazioni.

Per una maggiore privacy ( la paranoia non ha mai fine ) – possiamo scollegarci da internet e da qualsiasi dispositivo bluetooth. Avremo un’ulteriore consapevolezza che siccome non siamo collegati alla rete durante la creazione del wallet, riduciamo “ la superficie d’attacco” da un eventuale malintenzionato che voglia impossessarsi delle nostre chiavi. Purtoppo la certezza al 100% in informatica non si potrà mai avere, ma vale la regola che più ti tuteli, meno possibilità ci sono di avere intrusioni.

Dopo 2 click nell’installazione di Electrum arriverà la schermata della creazione di un wallet.

Mi raccomando scegli un wallet bech32, ovvero l’ultimo standard che offre maggiore sicurezza e minore peso sulla blockchain ( qui ho fatto un articolo dettagliato).

Electrum wallet desktop ti darà una serie di 12 o 24 parole ( in base alla sicurezza che hai scelto ): queste costituiscono il seed del tuo wallet.

E’ fondamentale che scrivi ATTENTAMENTE QUESTA sequenza di parole su un foglio di carta senza farti vedere da nessuno.

Ricordati: se qualcuno entra in possesso di questa sequenza di parole ( conta anche la sequenza in quei vengono riportare queste parole ) può accedere ai tuoi fondi.

Questo foglio di carta potrai plastificarlo, dividerlo e posizionarlo in più posti diversi, interrarlo da qualche parte, inciderlo su delle lastre di ferro ecc. Creativity is the limit.

( ti dico per onor di cronaca che più complicato pensi di farlo, più possibilità hai di perdere tutto )

Avendo a disposizione la sequenza di parole ( detta passphrase o seed ) potrai in ogni momento ripristinare il tuo wallet – sia in Electrum in un altro PC o in molti altri wallet.

Il seed permette di generare infiniti indirizzi pubblici riconducibili al tuo wallet.

HAI SCRITTO BENE IL SEED VERO?

Ok ora puoi procedere.

Electrum ti chiederà di mettere una password per poter accedere la prossima volta al wallet ( si creereà un file di estensione .dat). A solito scegli una password nuova e mai utilizzata. Ricorda si tratta di difendere i tuoi fondi. Sii cosciente di questo.

Ci sono quindi 2 modi ora per poter ripristinare il tuo wallet appena creato

1. Dal seed, in qualsiasi modo
2. Dal file .dat e la relativa password

 

Se nello svolgere tutti questi passaggi, non sei mai stato collegato ad internet hai creato di fatto un COLD WALLET, ovvero un wallet che non è mai stato “visto” dalla rete. Potrai comunque ricevere fondi in uno degli indirizzi pubblici che si saranno generati. Un wallet rimane “cold” fin quando non decidi di trasferire i fondi da quel wallet altrove.

COMPLIMENTI HAI APPENA CREATO UN WALLET DI BITCOIN nel modo più sicuro possibile.

Electrum wallet desktop è la soluzione più sicura per costruire il tuo wallet bitcoin
Electrum wallet desktop è la soluzione più sicura per costruire il tuo wallet bitcoin

 

Se hai scelto di creare un wallet bech32 i tuoi indirizzi inizieranno con bc1 e sei un pro.

 

Se il tuo livello di paranoia ( e di voglia di protezione) è ossessivo, allora ti consiglio di eseguire questi passaggi con una distribuzione Linux come Tails ( https://tails.boum.org/ ). Infatti in questo modo con Electrum generi il seed ed il file .dat come negli altri sistemi operativi. Con Tails però al suo spegnimento, vengono cancellati senza possibilità di recupero tutti i file creati, quindi anche il file .dat. Non lasci quindi tracce.

Lo sai infatti che anche se dal Mac o da qualsiasi PC provi a cancellare un file nel cestino e svuotarlo, attraverso programmi di decodifica è possibile risalire e ripristinare il file cancellato. Se poi si riesce a carpire la password collegata al file .dat i tuoi fondi sono a rischio.

 

[ E’ nata una vero e proprio processo di scansione di pc vecchi in discarica in cui si cerca se sono salvati file .dat riconducibili quindi a wallet rimasti persi dall’utente ma questa, a solito, è un’altra storia.. ]

 

Se pensi di voler utilizzare Electrum non solo per generare indirizzi pubblici di ricezione, ma anche di movimentare nel breve periodo fondi, ti consiglio quindi di sceglierti al momento della richiesta una password strong e di non preoccuparti di tenere il file .dat

 

Certo più i tuoi fondi crescono, più potrebbe crescere la voglia di proteggersi con ulteriori backup.

Quindi potremo andare a scrivere anche il seed anche altrove ( caso mai ci sia una frana in quel posto dove l’ho nascosto nel bosco) o salvare su un USB criptata il file .dat di cui solo io conosco la password. Ecco però dove la scrivo la password? Ecc ecc

 

 

Facciamo ora il processo inverso – ripristiniamo un wallet a partire dal seed

Abbiamo cambiato pc, o vogliamo solo provare a vedere ed essere sicuri che il nostro seed “funzioni”. Ecco che allora ci riscarichiamo Electrum ( se siamo su un’altra macchina dove ancora non c’è) e seguiamo tutta l’installazione. Scolleghiamoci da internet. Alla schermata successiva invece di creare un nuovo wallet, scegliamo di ripristinare un wallet esistente dal seed. Ecco quindi che mettiamo l’intera sequenza del seed così come l’abbiamo segnata – facendo attenzione anche all’ordine delle parole e non solo a scriverle giuste.

Electrumwallet desktop ripristina wallet da seed
Electrumwallet desktop ripristina wallet da seed

 

Vedrai che se sai leggere la tua scrittura e se la tua mano non tremava, verrà ricostruito magicamente il tuo wallet con il tuo saldo. Al ripristino verrà creato un file .dat a solito a cui dovrai associare una password. Se vuoi trasferire dei satoshi a qualche altro indirizzo, basta inserire l’indirizzo pubblico, scegliere la fee che sei disposto a pagare ( ovvero entro quanti blocchi verrà probabilmente inclusa la tua transazione) ed immettere la password che impostato.

Cliccando invia non si può più annullare.

Se hai sbagliato indirizzo, se hai sbagliato importo ormai è fatta. NESSUNO AL MONDO potrà farti tornare indietro. A meno hai a disposizione il 50%+1 della potenza computazionale dell’intera rete di bitcoin. Ma nemmeno Elon, Bill o il G20 intero può farlo.

E’ inutile che ti dica quindi quanto questo passaggio sia critico. Verifica, doubleCHECKKA, e prenditi un attimo per controllare che tutti i dati siano corretti.

 

Non esiste solo Electrum per ripristinare il wallet a partire dal seed ma è quello che ti consiglierei io se me lo chiedessi e volessi fare le cose fatte da manuale. Con un programma di cui abbiamo verificato l’autenticità attraverso la firma PGP, di una determinata affidabilità storica e sconnessi alla rete.

 

Ripristiniamo un wallet a partire dal file .dat

Vediamo ora il caso di ripristinare un wallet a partire dal file .dat

Per qualsiasi motivo vogliamo farlo da questo piuttosto che dal seed. Ci può stare come ragionamento. Il file .dat infatti è inutilizzabile se non viene prima sbloccato con la password con cui è stato creato. E di qui il motivo di scegliere ( E ricordarsi) una password nuova e mai usata. Ricordati ancora una volta, anche se so di averlo detto più volte, se qualcuno sa la password (non scegliere quella per sbloccare il tuo cellulare) e riesce a venire in contatto con il file .dat rischi veramente che ti ripulisca il wallet dai fondi.

Electrum wallet desktop ripristina wallet da file .dat
Electrum wallet desktop ripristina wallet da file .dat

In questo caso basta avere installato Electrum per poter ripristinare il wallet dal file .dat –  nella schermata in cui Electrum ti chiede quale wallet vuoi aprire, vai a ripescarti il file .dat all’interno del computer ed inserisci la relativa password. Il gioco è fatto.

Questo caso è suggerito se hai una password che sai solo tu ed è veramente strong.

 

AVVERTIMENTO NECESSARIO:

In questa guida NON ti abbiamo mai consigliato:

1. Di salvare il seed in formato elettronico
2. Di fare foto o screenshot al seed
3. Di salvarsi la password del file .dat in formato elettronico
4. Di affidarsi a terzi per la gestione del wallet
5. Di scrivere nelle note, appunti, word, excel, notepad la password o l’intero seed

Questo è stato fatto volutamente per permetterti di abbassare un possibile attacco dall’esterno di qualcuno che vuole impossessarsi delle tue credenziali. Quindi se hai cura dei tuoi fondi ti consiglio vivamente di prenderli in coniderazione.

 

Ma a solito, non di fidarti di nessuno. Nemmeno di una singola parola di quest’articolo. Verifica prima tu. Hai tutti gli strumenti per farlo

 

 PRO-TIP*: se vuoi aumentare ancora di più la privacy e la sicurezza del tuo wallet, ti consiglio di crearlo sempre con Electrum desktop ma attraverso Tails, una distribuzione di linux che non lascia nessun traccia al suo spegnimento. Quindi nemmeno del tuo wallet appena creato 😎

Se ti è piaciuto l’articolo donami 50 sats 😍

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo Nome

Commento