I vantaggi di avere un nodo bitcoin personale

I vantaggi di avere un nodo bitcoin personale

I vantaggi di avere un nodo bitcoin personale

Avrai sicuramente letto da più parti dei vantaggi di avere un nodo bitcoin personale, in questa guida vediamo del perchè di queste giuste affermazioni.

La forza di bitcoin oltre che essere:

  • un bene scarso e definito per natura
  • deflazionario
  • non censurabile
  • non ha confini
  • base di una tecnologia rivoluzionaria
  • valido sempre
  • è la base della nuova teoria economica
  • bitcoin

ha il grosso vantaggio di essere notevolmente decentralizzato. Questo perchè ognuno, con un investimento di circa 200€ si può costruire il proprio nodo in casa ( qui la guida su come costruirne uno ). Così facendo si aumenta la decentralizzazione, nel senso che si distribuiscono tante più copie della blockchain di bitcoin. Basterà infatti che rimanga custodita una sola copia originale, per poterla ricreare.

E per poter distruggere bitcoin, oltre ad avere il 51% di potenza computazionale della rete, i potenti manipolatori, dovrebbero riuscire a scollegare nello stesso momento tutte le copie della blockchain, e quindi tutti i nodi. E’ possibile? Si. Ma altamente improbabile. Dovrebbero riuscire ad entrare nel posto dove tengo io il nodo ed altri 100.000 persone come me.

Nello stesso momento.

E distruggere ogni possibile copia ( anche offline)

Di cosa stiamo parlando? Nemmeno se fossero solo l’1% dei nodi, qualche ente riuscirebbe a compiere un’operazione di tale scala.

Ecco perchè più siamo, e più nodi ci sono, più difficile ancora diventerebbe questa ipotetica missione ( impossibile).

Oltre a fungere da deterrente per i motivi di cui sopra, avere un nodo bitcoin proprio ti permette di:

  1. trasmettere le transazioni senza affidarsi a nodi di terzi
  2. verificare la corretta trasmissione senza affidarsi a nodi di terzi
  3. verificare il corretto saldo senza affidarsi a nodi di terzi
  4. installare applicazioni* senza affidarsi a nodi di terzi

nodo bitcoin personale
don’t trust, verify – la filosofia completa alla base di bitcoin la puoi ottenere solamente con un nodo bitcoin personale

Puoi diventare a tutti gli effetti la banca di te stesso

Se sposi il motto “don’t trust, verify”, non puoi non farti un tuo nodo bitcoin. Se non mandi le transazioni firmare dal tuo nodo infatti, devi fidarti dei nodi di altri per farlo. E questa fiducia, se non si vuole dipendere da nessuno, ha un prezzo. Quando configuri un wallet con Electrum, le impostazioni tenteranno di connettersi ad uno dei nodi pubblici di Electrum: quanto puoi affidarti a soluzioni di terzi, seppur riconosciute come affidabili?

Se un nodo è fraudolento infatti può modificare la transazione e di conseguenza appropinquarsi dei tuoi fondi. Non succederà al 99,99999% – ma vuoi essere tu quella seppur infinitesima percentuale di sfiga? Dipende a solito, da quanto hai da perdere.

In ogni caso, la democratizzazione della decentralizzazione di bitcoin lascia permettere a chiunque di essere autonomo e non doversi per forza fidare di altri ( benché ritenuti affidabili ). Allo stesso modo come Leman Brother era ritenuta “affidabile” dalle agenzie di rating e di impossibile insolvibilità. Sappiamo tutti poi com’è andata a finire ( non puoi esserti perso The Big Short) . La storia insegna.

Ecco che se abbiamo un nodo proprio, possiamo, senza doverci fidare di terzi,  collegarci ai nostri wallet; infatti oltre che a leggere il saldo ( va a verificare nella blockchain scaricata e verificata il blocco in cui sono presenti le transazioni che coinvolgono gli indirizzi pubblici del nostro wallet ), potremo firmare transazioni ( =pagare ) e trasmettere alla rete in attesa che un miner la voglia includere in un blocco.

Ormai non serve nemmeno copiare più righe di terminale per avere un nodo bitcoin personale come si deve fare per Raspiblitz – che rimane in ogni caso la soluzione più completa – con Umbrel ti basta fare 2 click e fa tutto lui (qui una guida dedicata).

* con applicazione intendo ad esempio:

Ovvero tutti gli strumenti per meglio prendere il pieno controllo del proprio wallet bitcoin ed anche del wallet lightning. Non solo interfacce grafiche più intuitive.

 

I vantaggi di avere un nodo bitcoin personale

Per iniziare ad usare bitcoin non devi avere un nodo bitcoin personale. Non è requisito necessario. Anche se consigliato. Infatti per iniziare ti basta avere un indirizzo pubblico ( e possibilmente la chiave privata o il seed da cui viene generato).

Se sei nuovo di questo mondo, ti consiglio vivamente:

  1. di ascoltarti le 10 puntate del nostro podcast dove cerchiamo di spiegarti in breve cos’è bitcoin in maniera facile
  2. di approfondire con le nostre guide base 

[ è tutto gratuito e lo facciamo per diffondere il verbo]

Se hai già un indirizzo pubblico, gestisci un wallet con più indirizzi ed hai intenzione di depositarci dei fondi importanti / li hai già depositati, ecco che con l’investimento di circa 200€ , ha senso che ti renda indipendente con un tuo nodo bitcoin personale.

Solo in questo modo completi la filosofia di bitcoin di non doverti fidare di nessuno se non di te stesso. Non dovrai più affidarti alla trasmissione su altri nodi bitcoin della rete se non il tuo. Il tutto per avere una maggiore sicurezza ed affidabilità.

Il nodo bitcoin personale che andrai ad installare dovrà prima scaricare tutta la blockchain di bitcoin e verificarla, processo che può durare alcuni giorni se hai un SSD o anche settimane con un HDD. Una volta che il nodo bitcoin personale si è sincronizzato con la rete, sarà in grado di ricevere le informazioni MA ANCHE TRASMETTERLE ad altri nodi connessi o che si stanno connettendo.

Ecco spiegato il potere della decentralizzazione di bitcoin.

Ci sono nodi che non scaricano TUTTA la blockchain ma danno ” per buona” una parte e si definiscono pruned. Come ormai hai capito, è sempre meglio non fidarsi di nessuno e dare per buono nulla, quando si tratta di riserve di valore. Quello che ti posso consigliare è quindi quello di scaricare sempre tutta la blockchain (nodo not-pruned) ; questo occuperà più spazio sul disco del nodo ( attualmente circa 400 GB) ma lo scotto da pagare in caso sarebbe troppo elevato da non giustificare uno spazio in più di memoria.

Se non vuoi esporti sulla rete principale ( clearnet ) ti consiglio di far girare il nodo esclusivamente sulla rete Tor in modo da non far vedere l’indirizzo pubblico del nodo. Molti configurazioni di nodi l’hanno già impostata di default come ad esempio Umbrel.

 

Attualmente questi sono i software consigliati per installare un nodo bitcoin personale a casa:

( per i meno nerd consigliamo comunque Umbrel ).

Benvenuto nella rivoluzione monetaria.

Se hai trovato interessante quest articolo, ti va di donarmi 50 sats 😁 ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo Nome

Commento