Perchè Bitcoin è contro le banche

Perchè Bitcoin è contro le banche


Perchè Bitcoin è contro le banche ed il sistema bancario in generale ?

Lasciamo perdere gli affetti per un attimo.

Concentriamoci sull’aspetto più materiale. Il denaro che usi giornalmente per scambiare prestazioni e comprare beni.

Dove tieni il tuo denaro ?

Se fai come il 98% degli italiani, avrai il tuo conto in banca. E tieni nel portafoglio ( sì il tuo wallet ) il necessario che ti serve per qualche giorno o per tutta la settimana.

 

Ma non è ancora cashless ?

Siamo nel 2018 ma almeno in Italia questa tendenza a passare allo scambio di denaro non-contante non si è vista più di tanto.

Sia perché i circuiti bancari chiedono commissioni agli esercenti ancora troppo alte – sia sulle transazioni sia come costi fissi di gestione del POS . Sta di fatto che sia per evadere le tasse ( eggià il caro e vecchio “nero” ) sia perché non c’è altra possibilità in certi casi bisogno avere con se i contanti.

Ti è mai capitato di sentirti dire “ mi spiace ma sotto ai x€ non accettiamo carte di credito” .

 


Bitcoin è contro le banche




Se ti ha fatto girare i cojones , prova a metterti per un attimo dalla parte dei commercianti che a momenti pagano più commissioni di quello che incassano.

Le commissioni per i 2 circuiti più importanti e famosi – Mastercard e Visa – si girano mediamente tra il 2,5% + un costo fisso solitamente a transazione e senza considerare il costo del POS ammortizzato durante tutto l’anno solare.

É un bel pò non credi ?

Con il Bancomat ( circuito Maestro ) i tassi sono lievemente inferiori – ma ad accreditare sul conto dell’esercente si deve aspettare più giorni.

Bitcoin e, tutte le cryptomonete in generale, avevano ( perché attualmente c’è ancora qualche problemino da risolvere ) come obiettivo quello di risolvere il problema di queste alti costi di transazione e di disintermediare tutti gli attori lungo la filiera del denaro.

Chi sono questi attori di cui parlo?

Beh, in primis gli stessi circuiti che permettono lo scambio con carte di credito o debito che si contano sulle dita di una mano. Le banche sicuramente che si prendono giorni per accreditare bonifici da un conto ad un altro ; i famosi tempi “ interbancari “ non altro che per allungare il tempo di attesa e permettere alle banche stesse di usare quel denaro per reinvestirlo a proprio vantaggio anche se per pochi giorni.

Alla fine queste “ istituzioni” ci guadagnano, ehm marciano , sulle nostre quotidiane abitudini.

Io mi sono stancato di dipendere da tutto questo. E tu ?

 


Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name

Message